L’illuminazione pubblica è pronta per la Smart City? - Wisp.ONE

Vai ai contenuti
L’illuminazione pubblica è pronta per la Smart City?
La rete di illuminazione pubblica è ancora basata sulla tecnologia tradizionale, con un cabinet stradale che distribuisce l’energia ai pali e la eroga all’interno di una certa fascia oraria: al di fuori di essa l’energia non raggiunge i lampioni, che restano spenti. Qualsiasi servizio di Smart City deve essere attivo 24 ore, il che presuppone di dover effettuare interventi di adeguamento che possono richiedere investimenti più o meno corposi a seconda della modalità: un’ipotesi consiste nel portare al lampione un nuovo cavo di alimentazione o di supplire con un pannello solare, qualora la produzione di energia sia sufficiente per il servizio che si vuole erogare. In ognuna di queste ipotesi, l’investimento può essere importante e i tempi lunghi. Alternativa decisamente smart, rapida e molto meno costosa è l’impiego di uno switch che permetta l’alimentazione costante dell’impianto di illuminazione in bassa tensione, così da consentire l’alimentazione e lo sviluppo dei cosiddetti servizi a valore aggiunto o VAS (Value Added Services). Questo sistema permette anche il monitoraggio, la rilevazione dell’assorbimento energetico e l’eventuale fatturazione separata verso i cittadini o le aziende che dovessero usufruire dei servizi. Per questo, essa è senza dubbio la modalità più innovativa per trasformare la rete di illuminazione in una Smart Grid, permettendo così l’abilitazione di svariati servizi innovativi.
Created by
WISP.ONE S.R.L.
VIA ROMA 75
52014 POPPI AR
C. f. e P.Iva: 02380310512
Privacy Policy
Torna ai contenuti